espatriati per caso

TUTTO QUELLO CHE C'È DA SAPERE PRIMA DI TRASFERIRSI IN INDIA - Espatriati per caso

PRONTO A PARTIRE?

PRENOTA IL TUO HOTEL CON ESPATRIATI PER CASO

CLICCA QUI

Written on 30/01/2014, 19:16 by mome85
in-gran-bretagna-la-disoccupazione-è-in-calo
Written on 12/05/2013, 16:51 by mome85
ecco-le-mappe-dei-trasporti-pubblici-a-londra
103990
Written on 11/05/2013, 15:55 by mome85
trasporti-a-londra-oyster-card-e-travel-card
150850

HAI DOMANDE O CERCHI DELLE INFORMAZIONI?

PARTECIPA AL FORUM DI ESPATRIATI PER CASO

CLICCA QUI

TUTTO QUELLO CHE C'È DA SAPERE PRIMA DI TRASFERIRSI IN INDIA

Creato Venerdì, 07 Giugno 2013
AddThis Social Bookmark Button

india taj mahal

TUTTO QUELLO CHE C'È DA SAPERE PRIMA DI TRASFERIRSI IN INDIA

L'India è un Paese dalle mille contraddizioni ed è per questo che attira tantissimi occidentali che ci arrivano con il desiderio di rimanerci per sempre.

Anche in Italia ci sono sempre più persone che decidono di trasferirsi, per sempre o per un periodo limitato, in India.

Molte di queste cercano se stesse e vorrebbero fare un cammino spirituale, mentre moltissime altre cercano una nuova vita lontana dai ritmi frenetici tipici dell'Europa e dell'Occidente in generale.

Per tutti coloro che stanno pensando di mollare la loro routine per fare un cambio di vita netto e deciso andando a vivere in India, diamo qualche piccolo consiglio.

Innanzitutto, c'è da sottolineare che l'India è bella ovunque: che si tratti di Goa, di Nuova Delhi o di Calcutta, o che si tratti delle città più piccole e caratteristiche, questo Paese è da scoprire. Indubbiamente, da turisti tutto è più semplice, perché chi ci va per vivere si trova davanti a delle difficoltà che, naturalmente, in vacanza non si avvertono.

Uno dei vantaggi di questa terra è che, essendo stata per molto tempo colonia britannica, l'inglese è la lingua ufficiale del commercio e degli affari e per questo, chi non lo desidera non ha alcuna necessità di apprendere l'hindi.

Ma quali sono i documenti che servono per lavorare in India?

Come in ogni Paese, anche qui viene richiesto un visto turistico, che serve per  poter lavorare in India legalmente.

Il visto per lavoro viene rilasciato dalle autorità a tutti coloro che hanno un salario annuale di almeno 25000 dollari.

Si faccia bene attenzione, perché si tratta di un requisito necessario, senza il quale il visto verrà rifiutato.

Le uniche eccezioni che si fanno sono per i seguenti lavori: insegnante di lingua non inglese, cuochi di cucina etnica, traduttori, staff diplomatico.

Inoltre, un'altra condizione è la lettera di presentazione di una ditta indiana che deve dichiarare di voler assumere il soggetto che chiede il visto

 

Commenti   

 
0 #1 Trasferirsi estero 2013-06-12 06:38
A mio avviso trasferirsi all'estero è una scelta molto difficile da affrontare ed attuare, perchè tipicamente si crede che l'estero sia migliore ma spesso non si fanno i conti con gli aspetti pratici della questione, come i sistemi sanitari non sempre di livello adeguato e i salari che non permettono lo stesso tenore di vita a cui siamo abituati in italia. E' vero che con la crisi non abbiamo grandi speranze per un futuro migliore, ma tra quelli che hanno deciso di trasferirsi all'estero sono più quelli che hanno fallito che quelli che ce l'hanno fatta.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

ARTICOLI SIMILI

Written on 11/07/2014, 00:49 by mome85
IN EUROPA IL TASSO DI DISOCCUPAZIONE CALA, IN ITALIA SALE (MA NON TRA I GIOVANI) Nonostante da tempo si parli di una graduale ripresa e conseguente...
Written on 18/01/2014, 15:43 by mome85
QUALI SONO I PAESI CON UN TASSO DI DISOCCUPAZIONE BASSO? Sempre più italiani decidono di lasciare il nostro Paese per andare alla ricerca della fortuna...

GOOLGE+

Sunday the 23rd. © Copyright 2012-2017 Espatriati per caso - Tutti i diritti riservati -