espatriati per caso

LAVORO ALL’ESTERO: COME GESTIRE LA PRIMA ESPERIENZA - Espatriati per caso

PRONTO A PARTIRE?

PRENOTA IL TUO HOTEL CON ESPATRIATI PER CASO

CLICCA QUI

Written on 30/01/2014, 19:16 by mome85
in-gran-bretagna-la-disoccupazione-è-in-calo
112850
Written on 12/05/2013, 16:51 by mome85
ecco-le-mappe-dei-trasporti-pubblici-a-londra
124910
Written on 11/05/2013, 15:55 by mome85
trasporti-a-londra-oyster-card-e-travel-card
193750

HAI DOMANDE O CERCHI DELLE INFORMAZIONI?

PARTECIPA AL FORUM DI ESPATRIATI PER CASO

CLICCA QUI

LAVORO ALL’ESTERO: COME GESTIRE LA PRIMA ESPERIENZA

Creato Giovedì, 17 Luglio 2014
AddThis Social Bookmark Button

lavorare allestero

LAVORO ALL’ESTERO: COME GESTIRE LA PRIMA ESPERIENZA

Quando si trova per la prima volta lavoro all’estero, si cercano dei consigli su come vivere al meglio l’esperienza. Se si tratta di un lavoro stagionale, stiamo parlando di un’esperienza limitata nel tempo, ma non per questo meno difficile da superare e da gestire. Trasferirsi in un Paese estero, sia per sempre che per qualche mese, è un qualcosa che richiede un grande spirito di adattamento. Ovviamente, chi ha necessità di guadagnare qualcosa è più spronato rispetto a chi non ne ha un impellente bisogno; tutto questo spinge chi è in difficoltà economica a partire e integrarsi.

Ma la prima volta non è facile per nessuno. Quindi, come gestire la prima esperienza lavorativa all’estero? Se si è già trovato lavoro prima di partire, siete è già a buon punto. In caso contrario, consigliamo di affidarsi alle varie agenzie di lavoro interinale che esistono anche all’estero oltre che nel nostro Paese. Grazie a suddette agenzie si potrà cercare un’occupazione e superare un grande scoglio. Fatto questo, come gestire il rapporto di lavoro e quello con i colleghi? Per quel che concerne il lavoro, ci si deve informare sulle leggi del posto, per capire com’è il diritto del lavoro e cosa prevede a tutela del lavoratore straniero.

Per quel che riguarda, invece, il rapporto con i colleghi, consigliamo di cercare di trovare subito la sintonia, anche perché potrebbero essere un’utilissima carta da giocare qualora si vogliano fare nuove amicizie del posto. Ovviamente, all’estero si troveranno anche molti italiani: stare sempre in loro compagnia potrebbe essere un impedimento all’apprendimento della lingua, ma ci sono anche dei vantaggi, perché ci si sentirà senza dubbio meno soli. Per gestire al meglio nostalgia di casa e mancanze di affetti rimasti in Italia, consigliamo di munirsi di tutta la tecnologia necessaria, da Skype agli smartphone.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

ARTICOLI SIMILI

Written on 04/07/2014, 12:53 by mome85
  OPPORTUNITÀ DI LAVORO IN EUROPA, CANADA E AUSTRALIA Per chi ha voglia di emigrare c’è una grossa incognita da affrontare: il Paese prescelto...
Written on 20/10/2013, 16:27 by mome85
ANDARE IN CANADA COL PROGRAMMA “LIVE-IN CAREGIVER” Condizioni preliminari: Età: dai 18 ai 30 anni Durata del soggiorno: 1 anno. È possibile...
107530
Written on 30/01/2013, 14:58 by mome85
COME OTTENERE UN VISTO VACANZA LAVORO PER ANDARE IN CANADA Il Visto Vacanza Lavoro per andare in Canada permette di effettuare un soggiorno di 12 mesi...
Written on 10/06/2012, 17:10 by mome85
ANDARE A STUDIARE ALL'ESTERO IN CANADA E NEGLI STATI UNITI Andare a studiare in Canada e negli Stati Uniti Il Canada e gli Stati Uniti...
Written on 04/06/2012, 00:27 by mome85
SOGGIORNO LINGUISTICO IN CANADA Se avete deciso di andare a vivere in Canada, ponetevi le domande giuste per scegliere il luogo che più vi aggrada....

GOOLGE+

Friday the 25th. © Copyright 2012-2017 Espatriati per caso - Tutti i diritti riservati -