espatriati per caso

UN'ITALIANA TRA L'OLANDA E IL KENYA - Espatriati per caso

PRONTO A PARTIRE?

PRENOTA IL TUO HOTEL CON ESPATRIATI PER CASO

CLICCA QUI

Written on 30/01/2014, 19:16 by mome85
in-gran-bretagna-la-disoccupazione-è-in-calo
Written on 12/05/2013, 16:51 by mome85
ecco-le-mappe-dei-trasporti-pubblici-a-londra
111080
Written on 11/05/2013, 15:55 by mome85
trasporti-a-londra-oyster-card-e-travel-card
163790

HAI DOMANDE O CERCHI DELLE INFORMAZIONI?

PARTECIPA AL FORUM DI ESPATRIATI PER CASO

CLICCA QUI

UN'ITALIANA TRA L'OLANDA E IL KENYA

Created on Wednesday, 25 September 2013

olanda kenya

UN'ITALIANA TRA L'OLANDA E IL KENYA

Raccontaci chi sei/siete e che cosa facevi in Italia prima di partire.

Mi chiamo Daniela, vivo in Olanda (per la precisione a Den Haag) da metà 2012 con mio marito, originario del Kenya, e la nostra bimba. Prima di venire qui vivevo in Kenya dove lavoravo nel turismo in un'agenzia di safari, corrispondente di un grande Tour Operator italiano.

 

Perché hai scelto proprio in Olanda tra tutti i paesi?

Quando abbiamo deciso di lasciare il nostro amato Kenya abbiamo provato a stare in Italia per un periodo...ma non c'era la speranza di un futuro li. Così mi sono messa a fare ricerche per capire dove poter andare, e sono giunta alla conclusione che l'Olanda era il paese adatto: moltissimi call centre e customer service di grande aziende hanno le sedi qui e sono spesso alla ricerca di personale multilingue, e questo ci faceva ben sperare. Inoltre i Paesi Bassi sono molto piccoli e le principali città sono tutte raggiungibili in meno di un ora di treno tra loro... Se vivi a Rotterdam puoi tranquillamente lavorare ad Amsterdam! Sarebbe stato più facile iniziare qui cercando lavoro un po' in tutto il Paese piuttosto che in Inghilterra ad esempio!

 

Che cosa consigli di fare agli italiani prima della partenza per l'Olanda ?

Sicuramente prima di partire per l'Olanda bisogna avere una buona conoscenza dell'inglese: anche se la lingua ufficiale qui è l'olandese, l'inglese è parlato ovunque e senza quello sarebbe davvero difficile iniziare a fare i primi passi.. Inoltre credo che bisognerebbe informarsi come abbiamo fatto noi: ricercare i siti per espatriati delle varie municipalità, farsi un'idea degli affitti e del mercato del lavoro (ad esempio guardando i siti delle agenzie di ricerca del personale multilingua) e cercare di capire in che città si vorrebbe iniziare a vivere e i relativi prezzi degli affitti.  Bisogna comunque rendersi conto che trovar lavoro può non essere così facile come sembra, ed avere quindi un piano B o comunque qualcosa da parte per i primi mesi...

 

Che cosa fai in Olanda?

Lavoro come Business Travel Agent per un grande Tour Operator internazionale. Serviamo quasi tutti i paesi dell'Europa organizzando viaggi di lavoro (dal volo all'hotel, dai treni alle auto..) Inoltre, per passione, continuo a collaborare con l'agenzia di safari in Kenya come Social Media Specialist e scrivo sul mio blog Malaikatravel e la relativa pagina Facebook.

 

{loadposition quadrato}

 

Principali differenze tra Italia e l'Olanda sia lavorative che sociali.

Italia e Olanda mi sembrano due mondi differenti, molto lontani tra loro... A livello lavorativo ad esempio viene molto considerato il part time (soprattutto per le madri): moltissime donne ad esempio lavorano 3 o 4 giorni alla settimana! Le persone rispetto a noi italiani sono generalmente molto più fredde e calcolatrici: manca la spontaneità di organizzare qualcosa all'ultimo minuto, perché tutto è scandito e meticolosamente registrato sull'agenda. Per quanto riguarda usi e costumi locali poi, gli olandesi spesso non badano troppo al loro aspetto...Poche donne si truccano o si sistemano di tutto punto per uscire o andare a lavoro... Usano la bici per qualunque cosa e con qualsiasi condizione meteo impavidi...potete quindi immaginarvi in che condizioni entrano poi in ufficio!!

D'altra parte tutto qui funziona: i mezzi pubblici assolutamente efficienti, il sistema delle tasse e i relativi rimborsi, tutto viene fatto online, le strade sono pulite, ed è pieno di spazi verdi e c'è sicurezza.

 

Cosa ti manca dell'Italia?

La famiglia, le mie adorate amiche e la mia regione, Le Marche, durante l'estate: paesaggi meravigliosi, spiagge bellissime, e serate calde in compagnia degli amici... 

 

Cosa può andare a fare un italiano in Olanda ?

Dipende. Ci sono molte opportunità per chi vuole studiare ad esempio, con ottime università.. Ci sono molti lavori per ingegneri ed architetti... O lavori nelle organizzazioni internazionali. Oppure se si è dei "generici" come me ad esempio, ci sono molte ditte multinazionali che hanno le loro sedi europee qui: la Nike, Tom Tom, Booking.com giusto per dirne alcune...qui spesso ricercano personale multilingua per varie funzioni, da customer service ad assistente alle vendite o credit controller.. (quindi parlare bene almeno l'inglese è d'obbligo!) 

 

Ci sono molti italiani in Olanda ?

Sì, la comunità italiana è molto presente un po' in tutte le città.. basta vedere i vari gruppi su Facebook, Italiani in Olanda, Italiani ad Amsterdam, a Rotterdam ..e via dicendo. Anche nei supermercati ad esempio è facile trovare prodotti di marca italiana come la pasta...e quello che non si trova si può sempre acquistare in uno dei tanti negozi a gestione italiana sparsi per le città!! Insomma, come al solito ci facciamo riconoscere soprattutto per il cibo!

 

Raccontaci un aneddoto che dia un'idea dell'Olanda.

Ce ne sarebbero tanti da raccontare.... Ad esempio qui hanno un concetto di "bella casa" un tantino diverso dal nostro. Quando eravamo alla ricerca di una casa in affitto (e abbiamo visto decine e decine di case prima di trovarne una che incontrasse i nostri standard..) ci hanno mostrato una casa il cui bagno non aveva lavandino... e alla mia domanda "mi scusi ma…dove me le lavo le mani..." l'agente immobiliare ci ha guardato come fossimo degli alieni rispondendoci " ma in cucina, è ovvio!!"

Un'altra cosa che inizialmente ci ha colpito molto è la maniera diversa di crescere i figli.. noi ci preoccupiamo molto che non prendano freddo coprendoli e salvaguardandoli...Lo scorso inverno a circa meno 10 gradi  in giro si vedevano mamme olandesi allegramente in bici con i figli senza cappello e guanti con la faccia paonazza dal freddo e in lacrime per il vento gelido!!

GOOLGE+

Sunday the 17th. © Copyright 2012-2017 Espatriati per caso - Tutti i diritti riservati -