espatriati per caso

ESPERIENZA DI UNA BLOGGER ITALIANA A LONDRA - Espatriati per caso

PRONTO A PARTIRE?

PRENOTA IL TUO HOTEL CON ESPATRIATI PER CASO

CLICCA QUI

Written on 30/01/2014, 19:16 by mome85
in-gran-bretagna-la-disoccupazione-è-in-calo
Written on 12/05/2013, 16:51 by mome85
ecco-le-mappe-dei-trasporti-pubblici-a-londra
111030
Written on 11/05/2013, 15:55 by mome85
trasporti-a-londra-oyster-card-e-travel-card
163750

HAI DOMANDE O CERCHI DELLE INFORMAZIONI?

PARTECIPA AL FORUM DI ESPATRIATI PER CASO

CLICCA QUI

ESPERIENZA DI UNA BLOGGER ITALIANA A LONDRA

Created on Thursday, 27 June 2013

koala londinese

ESPERIENZA DI UNA BLOGGER ITALIANA A LONDRA

Raccontaci chi sei e che cosa facevi in Italia prima di partire.

Sono una romana doc che prima di trasferirsi a vivere in UK, lavorava come commessa per un noto brand di abbigliamento a livello internazionale. Mi andava stretto tutto, avevo studiato come grafico pubblicitario, ma avevo ripiegato su questo lavoro perché non avevo trovato nulla di stabile e duraturo. Nel 2010 dopo varie vicissitudini ho deciso che dovevo fare altro, dovevo rischiare, ero piena di ansie e paure, stavo per compiere 30 anni e mi sembrava di non essere approdata a nulla, di non aver rotto e superato tutti i limiti che mi ero inconsciamente auto-imposta, così ho preso e con due risparmi sono partita alla ventura, non è stato easy ma ero come una pentola a pressione e sono esplosa, e quindi mi sono gettata, iniziando a nuotare.

Perché hai scelto proprio Londra e il Regno Unito tra tutti i paesi?

Nel 2007 finalmente avevo due soldini per farmi una vacanza vera e propria fuori dall'Italia, volevo andare a New York ma costava troppo così ripiegai sul mio vecchio amore: Londra. Fin da quando ero piccola volevo visitarla, in famiglia mi hanno sempre chiamata l'inglesina per via della mia pelle bianco mozzarella, e all'età di 13 anni mi misi in testa che dovevo assolutamente imparare la lingua inglese come Regina comanda! Appena misi piede a Londra fu colpo di fulmine, i seguenti anni viaggiai in lungo e in largo per l'Europa ma chissà perché tornavo sempre in Inghilterra, le colleghe ormai mi canzonavano perché ogni volta che prendevo le ferie loro già sapevano dove sarei andata, e neanche più la cartolina mi chiedevano, perché ne erano piene di quelle di Londra!

Che cosa consigli di fare agli italiani prima della partenza per il Regno Unito?

Informarsi bene prima di partire, leggere e documentarsi molto sulla situazione reale economica/lavorativa del paese, molti partono e arrivano qui con in testa tante storie frammentarie e vecchi miti di una Londra di 30 anni fa, dove potevi permetterti di sbarcare e cercare lavoro senza sapere una parola d'inglese, perché tanto nel giro di 1 giorno lo trovavi! La crisi c'è pure qui, si sente di meno perché qui sanno re-inventarsi, sanno gestirsi meglio e la prendono più con stile, ma credetemi che la disoccupazione c'è e che l'Inghilterra non è l’Eldorado, o quella terra promessa dove tutto si realizza in uno schiocco di dita. La realtà è che devi sudare, insistere e credere molto in te stesso e nelle tue risorse perché la competizione specialmente qui a Londra è altissima e ti massacra, questo poi accade specialmente se non si è altamente specializzati in qualche settore o non si parla la lingua inglese in modo fluente, vi prego non partite se non avete una conoscenza approfondita dell’inglese, fatevi un corso! Altro consiglio è quello di non confondere Londra con l'Inghilterra, perché Londra NON è l'Inghilterra, è un paese a parte credetemi, se volete la vera Inghilterra dovete uscire fuori Londra, allora sì che lì vedrete dei veri spaccati britannici.

Che cosa fai nel Regno Unito?

Sono una bloggerredattrice – di contenuti di viaggi e fashion, lavoro sia con l'Italia che con altri paesi. In più sto sempre di più sviluppando il mio progetto Sir Koala Londinese, ho attivato un servizio di traduzione e creazione di CV performanti per il mercato lavorativo anglosassone, e ho scritto due ebook: Appunti Londinesi e La Mia Londra Low-Cost. Finalmente lavoro con la comunicazione e in più attraverso i miei vari canali, aiuto tutte quelle persone che vogliono provare a fare una esperienza di vita qui in UK.

{loadposition quadrato}

Principali differenze tra Italia e Regno Unito sia lavorative che sociali.

Gli inglesi hanno questa nomea di essere freddini, la realtà è che sono molto riservati, sono una popolazione polite ossia cortesi/leziosi, sanno contenersi e cadenzare bene le parole, possono risultare quindi un poco scostanti e “falsi”. Quando li conosci bene però sono onesti, hanno un senso di indipendenza che in Italia ce lo sogniamo, le donne sono votate alla carriera, pure che sono fidanzate non rinunciano a farsi le vacanze o le uscite con le amiche e tutto senza crisi di gelosia, su questo sono un poco distaccati, non hanno la passione e la gelosia che molti italiani posseggono. Hanno un grande senso patriottico, li ammiro per questo, anche se la barca va a fondo loro sono lì a inneggiare alla patria e Dio Salvi la Regina, noi Italiani invece siamo molto “criticoni” verso il nostro paese, e vi assicuro che pure qui in UK di pecche e cose da poter criticare ce ne sono, è solo che loro preferiscono focalizzarsi su quello che va, piuttosto che su quello che non va quindi secondo me vivono meglio il senso di nazione. A Londra si godono poco la vita, non è come noi italiani che spesso facciamo pause al bar, uscite con gli amici durante la settimana, e siamo più socievoli e sciolti in generale con il prossimo e la vita stessa. Qui la vita inizia il Venerdì dopo le 5.30 del pomeriggio, perché è finita per molti la settimana lavorativa e allora partono gli sballi, e bevono, bevono molto per socializzare, sono impacciati verso il prossimo, sulla tube tutti leggono o ascoltano musica, e se ne stanno chiusi nei loro pensieri e mondi. Però nulla di che, alla fine paese che vai usi e costumi diversi che trovi, e proprio in questo sta il bello del viaggiare!

Cosa ti manca dell'Italia?

Sono tre anni che vivo qui e torno in Italia spesso, quindi ho una certa libertà di vivermela la mia bella Italia, però sarò scontata ma il tempo, vedi se sei del Nord lo subisci meglio, ma se sei dal Centro in giù … non è vero che piove sempre, questo è un mito da sfatare specialmente se vivi a Londra! Però il cielo da Gennaio a Marzo è una costante grigia con dei nuvoloni bassi … che ti deprime e ti manca quel sole caldo e presente, la luce solare stessa anche durante il periodo estivo, è diversa ad esempio da quella di Roma. Per il resto qui si trova di tutto dal cibo, ai giornali italiani, giusto i biscotti del Mulino Bianco, devi sempre faticare a trovarli in qualche negozietto che te li vende spesso a peso d'oro!

Cosa può andare a fare un italiano nel Regno Unito?

Di tutto? Possiamo fare di tutto, non abbiamo restrizioni e in generale gli inglesi ci amano, la prima cosa che mi dicono quando apprendono che sono italiana é: ma che ci fai qui? Rimangono sempre sbigottiti che tu decida di vivere in UK piuttosto che in Italia, ma anche loro hanno una visione romanzata dell'Italia, fatta di moda, belle città d'arte, gelato, pizza e uomini latini che ti fanno impazzire sotto le lenzuola … sì in molte sognano di accasarsi un mascuolo italiano, ma alla fine vaglielo a spiegare che vai via per migliorare la tua posizione e vita.

Ci sono molti italiani a Londra?

C'è un'altra domanda di riserva? Scherzo, sì ce ne sono tantissimi, specialmente a Londra vedi quando dici Inghilterra dici Londra, tutti italiani e non, mirano ad andare lì a prendersi un pezzo di “gloria”, a costruirsi qualcosa, Londra è frenetica e conserva quel mito di Eldorado che la crisi e gli anni non hanno lavato via. Dove ti giri ci sono italiani, ci sentiamo perché assieme agli spagnoli siamo quelli più chiassosi e urliamo per parlare, non l'avevo mai notato ma un giorno eravamo io, una mia amica italiana e una inglese, ad un certo punto io e la mia amica italiana stavamo parlando di una cosa frivola ma quella inglese ci ha interrotto chiedendoci se stavamo litigando tanto parlavamo forte e veloce. Vedi, loro – gli inglesi – sono molto pacati e cadenzati nel parlare, specialmente la vecchia generazione, quella nuova è molto influenzata da quella americana.

Raccontaci un aneddoto che dia un'idea del Regno Unito.

Ho lavorato per due anni come commessa e il mio inglese è ottimo, ma alcune volte capita pure a me di non capire qualcosa, ed è accaduto che con alcune clienti se gli chiedevi di ripetere la frase appena detta, loro ti rispondevano: no lascia stare. Un po’ tipo Paganini non ripete, sono pochi gli inglesi che parlano una seconda lingua, spesso ti dicono tanto a che serve sapere un altra lingua, tanto l'inglese lo parlano ovunque. Si sentono un poco snob e pretendono che ovunque si vada, si debba parlare l'inglese in modo fluente. Quindi ripeto, studiate molto bene l'inglese, fate corsi, non venite qui che sapete solo dire the pen is on the table. Oh un ultimo avviso loro sono molto indipendenti, i ragazzi a 16 anni già vivono da soli o studiano in altre città, quindi non andate a piagnucolare che vi manca la mamma e casa, non vi capirebbero mica, ne stupitevi se come boss vi ritrovate a prendere ordini da uno che ha la vostra stessa età se non di meno, qui iniziano a lavorare molto presto, spesso già dalle superiori e quindi fanno carriera in fretta.

Qualcosa che hai imparato dagli inglesi, e qualcosa che hai insegnato a loro?

Ho imparato ad essere più flessibile e sciolta, ad esempio qui cambiano casa e lavoro come nulla, non si mettono a farsi tanti problemi d'età, soldi … vanno dove c'è di meglio. Si trasferiscono di città, cambiano nazioni pure che già hanno messo su famiglia, chiudono tutto in un deposito e vanno altrove. Anche sul lavoro non si strappano i capelli se li mandano via, sembrano sempre sicuri che qualcosa uscirà.

Io ai miei amici gli ho insegnato qualche parola e … parolaccia è una delle prime cose che ti chiedono! Poi siccome sono di Roma in molti hanno questo mito dei gladiatori, della Roma imperiale e allora vogliono sapere tutto, immaginano che sia tutta dolce vita e sognano solo di venire a far vacanza in Italia e di abbuffarsi di gelato e pizza!

Info & Canali

Sir Koala Londinese

http://koalalondinese.com Blog

http://www.facebook.com/SirKoala  Facebook

http://twitter.com/farego Twitter

https://plus.google.com/107067204356966735188 Google+

http://www.youtube.com/farego Youtube 

GOOLGE+

Friday the 15th. © Copyright 2012-2017 Espatriati per caso - Tutti i diritti riservati -