espatriati per caso

ANDARE A VIVERE LA PENSIONE ALL’ESTERO: 1.000 EURO AL MESE BASTANO - Espatriati per caso

PRONTO A PARTIRE?

PRENOTA IL TUO HOTEL CON ESPATRIATI PER CASO

CLICCA QUI

Written on 30/01/2014, 19:16 by mome85
in-gran-bretagna-la-disoccupazione-è-in-calo
Written on 12/05/2013, 16:51 by mome85
ecco-le-mappe-dei-trasporti-pubblici-a-londra
111060
Written on 11/05/2013, 15:55 by mome85
trasporti-a-londra-oyster-card-e-travel-card
163790

HAI DOMANDE O CERCHI DELLE INFORMAZIONI?

PARTECIPA AL FORUM DI ESPATRIATI PER CASO

CLICCA QUI

ANDARE A VIVERE LA PENSIONE ALL’ESTERO: 1.000 EURO AL MESE BASTANO

Created on Wednesday, 28 November 2012

spiagge

ANDARE A VIVERE LA PENSIONE ALL’ESTERO: 1.000 EURO AL MESE BASTANO

Pensionati che vogliono andare a vivere la pensione all’estero.

Questa è la situazione oggi: migliaia di pensionati che se la stanno dando a gambe dal Bel Paese della tasse e cercano dove poter vivere (invece che sopravvivere) con la pensione da 1.000 euro.

Trasferirsi all’estero non è più una moda per i ricchi, ma un’esigenza per i poveri. Andare dove la benzina costa meno della metà, mangiare al ristorante costa poco e fare la spesa di meno.

{loadposition quadrato}

Vediamo ora le destinazioni preferite dai nostri pensionati per trasferirsi all’estero.

Brasile, Capo Verde, Kenya e Thailandia queste sono le nazioni dove si può vivere molto bene con soli 1.000 euro al mese (che sarebbe l’ammontare della pensione).

Sono circa 400mila coloro che ricevono la pensione ogni anno, molti di loro sono già tanti anni che sono assenti dall’Italia, ma tanti altri stanno seguendo le loro orme. Secondo alcune indagini, le richieste di trasferimento della pensione all’estero sono aumentate del 40% quest’anno, questo è ovviamente la conseguenza della grave crisi che si è abbattuta.

Un ex dipendente statale di 70 anni ci racconta che vive benissimo con la pensione da 1.000 euro in Tunisia pagando solo il 25% di tasse e solo sul 20% del reddito, niente in confronto ai salassi italiani. Dice anche di poter risparmiare molto della sua pensione e che con 25 euro ha fatto una visita da un cardiologo privato.

In Repubblica Dominicana, si ottiene la residenza stabile e definitiva dopo soli 45 giorni di permanenza, dimostrando una pensione o qualche rendita del valore di 1.500 dollari (circa 1.150 euro), e si ottiene un’esenzione del 50% sugli immobili e tasse automobilistiche.

In Costa Rica, è richiesto invece un reddito di 1.000 dollari( 700 euro circa) da versare mensilmente su un conto corrente in Costa Rica.

Il Brasile è più caro e servono 2.300 euro mensili di pensione per poter stabilirsi.

In Thailandia, invece bisogna poter dimostrare un entrata mensile fissa e depositare in banca 20.000 euro per almeno 3 mesi. Le tasse non si pagano e anche a Bangkok e Phuket la vita è sicura ed economica.

In Indonesia, a Bali, bisogna avere più di 55 anni, non lavorare sul posto ed avere un’assicurazione medica.

Le isole Canarie, territorio spagnolo, hanno molte agevolazioni fiscali ma è necessario risiedervi per più di 6 mesi per ricevere la pensione italiana.

In Tunisia, è facile ottenere il visto che viene rilasciato per 3 mesi e viene trasformato in visto permanente se si dimostra un reddito fisso. Esiste anche un accordo con l’Italia per evitare la doppia imposizione.

A Capo Verde è necessario disporre di un’entrata di 1.000 euro e avere soldi per pagare le spese mediche.

Infine, in Kenya per ottenere la residenza bisogna avere la pensione ed una casa di proprietà o in affitto.

Pensionati, avete deciso dove andare a vivere?

GOOLGE+

Saturday the 16th. © Copyright 2012-2017 Espatriati per caso - Tutti i diritti riservati -